JR e le sue women nel cuore dell’Africa

Vengo a scoprire tramite Corriere (quando c’è un merito è giusto attribuirlo) dell’esistenza di JR (artista di cui nulla sapevo) e di un suo interessante progetto.

Di JR non si sa molto, nemmeno il nome (e se qualcuno ne sa di più è pregato di comunicarmelo), esiste però un sito che raccoglie le sue imprese. L’invito è a dargli una sfogliata perchè sono opere interessanti.

Le imprese in questione consistono nel coprire enormi spazi con gigantografie di volti e corpi umani. Case, palazzi, muri (compreso quello di separazione Israele – territori palestinesi sono stati coperti dalle immagini di JR un pò in tutto il mondo.

jr_kenia_women

E l’ultima istallazione sembra essere ancora più interessante.

L’artista ha lavorato per due anni in Kenia, a Kibera, nella più grande baraccopoli africana. E qui ha ricoperto i tetti di alcune delle baracche con gigantografie delle donne che quelle baracche abitano.

E non si è limitato a questo perchè oltre alle baracche ha ricoperto alcuni tratti del terreno compresa la massicciata su cui passa il treno che attraversa la baraccopoli.

E mente c’era ha pensato bene di spezzare questi volti giganti riproducendo gli occhi sui vagoni del treno. Succede così che alcune delle foto si completano solo nel momento esatto in cui il treno passa tra le baracche.

E il gioco artistico non finisce qui perchè le foto sono talmente grandi che si vedono anche dallo spazio o (visto che l’arte non è necessariamente disgiunta dalla tecnologia e dal progresso) da Google Earth.

jr_kibera_women

Ma JR è stato anche attento a lasciare qualcosa di buono con la sua opera agli abitanti del luogo, infatti i mega poster sono in tessuto impermeabile e finiranno per proteggere le stesse abitazioni (?) su cui sono installate.

L’installazione di Kibera fa parte di Women, un progetto più ampio che sembra molto interessante.

(credits foto: JR Art)

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An Awesem design by Orman