Best of my feed #17

Cominciamo la settimana (corta ma densa) con cattivamaestra che ci segnala una nuova iniziativa di Mario Calabresi, neo direttore de La Stampa che sembra iniziare a dare la giusta importanza al web. Questa volta decide di dedicare la pagina delle lettera al direttore direttamente ai lettori.

Prendetevi un pò di tempo (più di un pò… diciamo parecchio) per leggere la dettagliata e approfondita analisi di Roberto Bernabò su Antichrist di Von Trier, merita di essere letta.

Venturini vuole smontare i falsi miti su internet. Il bello è che per farlo sciorina una serie impressionante di dati che per chi vive il web sono veramente interessanti. Post utile!

In molti, inevitabilmente, parlano di Bing, il nuovo motore di ricerca lanciato da Microsoft. Ho scelto Freccero perchè la sua analisi mi sembra toccare alcuni punti fondamentali.

Daniele ha scoperto che ormai i cadaveri conservati nei nostri cimiteri non si decompongono più come una volta e ha cercato di approfondire il discorso, sollevando un polverone! Non ci sono più i morti di una volta!

Un curioso post di Rado su Giornalettismo prova a rileggere il campionato di calcio appena concluso con regole diverse. Come sarebbe finito se si fosse applicato il punteggio che usano in Polonia o in Cina? Le sorprese non mancano.

E parimenti curioso è il post di Alessandro con cui ci rivela strumenti che nel tempo sono stati da lui utilizzati come segnalibro. Utilità zero ma simpatia dieci.

Giovedì è stato il quindicesimo anniversario dalla morte di Massimo Troisi (e ancora si sente la mancanza). Dario lo ricorda così.

Su book.blog.it continua la campagna anti-Einaudi. Questa volta vengono fatte le pulci alla campagna di sconti del 30% su alcuni volumi. Sembra che buona parte dei libri scontati abbiano in contemporanea subito un deciso aumento del prezzo di partenza. Vecchia regola…

E chiudiamo con Julius che presenta un’ampia galleria di marchi di automobili per mostrare l’evoluzione grafica che i loghi hanno avuto nel corso del secolo.

2 Comments

  1. Che dire … grazie 😉

    Tra l’altro sta diventando una sorta di work in progress 😉

    Con stima.

    Rob.

  2. soloparolesparse says:

    @ Roberto
    Diciamo che in realtà i tuoi post hanno tutto quello che serve per NON funzionare in rete.
    In sostanza sono veramente molto lunghi… però sono un ottimo approfondimento per chi cerca informazioni (e considerazioni) su un particolare film.

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An Awesem design by Orman