Come (e se) funziona il 3D al cinema?

Raramente dedico un post completamente alla segnalazione di qualcosa prodotto da altri senza riservare una mia considerazione, un commento (o una stroncatura).

up

Questa volta però su 8 e mezzo, blog di cinema che seguo e che ha spesso spunti interessanti sono apparsi due lunghi post che analizzano in maniera dettagliata la tecnica 3D che nell’ultimo anno ha invaso le nostre sale cinematografiche.

I due post sono a firma di Johnatan Grass e svolgono due operazioni interessanti.
La prima è di spiegare come funziona il 3D, da dove arriva e quali sono gli effetti che ha sul nostro cervello. In pratica cosa ci fa vedere e come.
La seconda è un’analisi attenta dell’autore del post con un suo parere personale. Questa seconda operazione è molto interessante perchè con un esempio molto centrato chiarisce un problema non piccolo e rende evidente il perchè un film in 3D debba essere pensato da zero e non può essere semplicemente una versione diversa dello stesso film in 2D.

Non approfondisco perchè trovate tutto già ben fatto su 8 e mezzo.

Qui la prima parte: come funziona il 3D.
Qui la seconda parte: quali sono le difficoltà del 3D.

Mentre voi leggete io inizio la mia maratona Avatar.

2 Comments

  1. maurizio says:

    i due link in fondo non funzionano…
    e poi non è che potresti fare tu un riassunto di sto 3d?
    a me non è che convince…

  2. soloparolesparse says:

    Link corretti, chiedo scusa.
    Per il riassunto aspetta un pochetto… dipende da film a film ma ti assicuro che funziona…

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An Awesem design by Orman