Facebook supera Google. Che significa?

Avrete letto ieri un po’ ovunque (addirittura sui quotidiani) che negli Stati Uniti la settimana scorsa Facebook ha superato Google per numero di click.
Se non vi siete limitati a leggere i titoli avrete capito che per quattro giorni filati Facebook è stato il sito più visitato (leggi: utilizzato) in USA, superando quindi il motore di ricerca più famoso.
Non era la prima volta che il sorpasso si compiva, era però la prima volta che si compiva in modo duraturo e sequenziale.

Vi siete però chiesti che significato ha questa notizia dal punto di vista pratico e sociale?
Nessuna paura… non ho intenzione di lanciarmi in riflessioni filosofiche arzigogolate, solo un paio di veloci note.

La prima considerazione che mi viene in mente è che probabilmente Google non è più la home page della maggior parte dei browser in giro per il mondo.
Voi che sito usate come home page?
Ancora indietro… avete ancora una home page caricata volontariamente nel vostro browser?

Seconda considerazione, quella forse più articolata.
Google si usa per cercare notizie, approfondimenti, servizi e quant’altro.
Facebook si usa (in prima battuta) per cercare vecchi amici e nuovi contatti (per bisboccie o attività professionali che siano).
In linea di principio quindi due attività decisamente diverse.
Quindi che vuol dire: sul web non si cercano più notizie e servizi ma persone?
E se così fosse cosa significa: che si gioca e non si lavora, non si approfondisce?

Non sono daccordo con quanto da me stesso testè affermato (curiosa iperbole, no?)
Io credo che sia stato fatto un passo avanti e Facebook (e a cascata tutti gli altri social network) siano ormai utilizzati per scambiarsi informazioni (e notizie, approfondimenti e servizi) tra persone.
Quindi non più Google come strumento anonimo e freddino per informarsi ma Facebook come linea diretta con chi la notizia in questione l’ha pubblicata.
In questo modo arriviamo comunque alle notizie (o ai servizi di cui abbiamo bisogno) e per di più le troviamo sempre fresche, già in parte selezionate da una nostra scelta di contatti fatta in maniera autonoma (e non con l’intermezzo dell’algoritmo googliano) e come surplus possiamo anche commentarla e approfondirla direttamente dove l’abbiamo trovata, comunicando live con chi l’ha scritta e con chi la sta leggendo.

Dite che mi sono spinto troppo in là, che la vedo troppo rosa?
Liberi di dire la vostra…

5 Comments

  1. Francesco says:

    Credo che sia un insieme delle ragioni da te già dette.
    Con Facebook spesso si arriva alla notizia sorpassando il motore di ricerca: in pratica basta una persona che condivide su facebook e altre N persone ci arrivano senza dover fare alcun tipo di ricerca. C’è anche l’avvento di Bing che ha probabilmente levato una parte delle ricerche effettuate da google.
    Rispondo alla tua domanda iniziale, voi che sito usate come home page? google.it, sono abitudinario 😀

  2. soloparolesparse says:

    @ Francesco
    …uhm… dal grafico in alto non sembra che Bing abbia avuto molta voce in capitolo.

  3. Saint Andres says:

    Per me la homepage rimane sempre Google, anche perché sinceramente guardare cosa fanno gli amici ogni 5 secondi mi pare un po’ malato 😀

  4. Xoinas says:

    Beh, o più semplicemente che un sacco di gente preferisce ca**eggiare su facebook invece di farlo con ricerche a caso su google….
    Però occhio che sta statistica è molto parziale verso google: non considera ricerche da barre degli strumenti, gmail, igoogle, google maps, etc etc. In pratica IO per queste statistiche non uso google, mentre in realtà lo consulto continuamente…

  5. soloparolesparse says:

    @ Xoinas
    Hai ragione, ma la riflessione rimane valida anche senza “sorpasso ufficiale”.

    @ Saint Andres
    Tieni conto che facebook non è solo guardare cosa fanno gli amici, è un enorme canale di promozione e lavoro.

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An Awesem design by Orman