Lotta alle traduzioni italiane dei titoli dei film: non sono più solo!

Praticamente vi ho già detto tutto nel titolo.
L’anno nuovo ha portato una interessante novità nel panorama dei blog italiani che parlano di cinema.
Si chiama Doppiaggi italioti ed è un piccolo blog interamente dedicato alle peggiori scelte di traduzione nelle versioni italiane dei film.

Sapete che da anni ho il sogno che anche in italia (come accade in quasi tutto il mondo) i film arrivino nella versione originale sottotitolata e non doppiati in maniere spesso splendide (spesso terribili!) ma che inevitabilmente rischiano di cambiare decisamente alcuni aspetti dei film.
Se questo fosse proprio impossibile mi piacerebbe almeno che i film mantenessero i titoli originali per evitare quelle imbarazzanti traduzioni così svianti nella maggior parte dei casi.

Sulla stessa lunghezza d’onda è Evit che ha dedicato l’intero suo blog a questo argomento.
Spesso sciorina elenchi di titoli tradotti in maniera ampiamente fuorviante, a volte si dedica a particolari battute che nella versione italiana hanno fatto una brutta fine, altre volte ancora dedica interi e dettagliati post ad un unico film martoriato dalla traduzione.

Se l’argomento vi interessa seguite quindi Doppiaggi Italioti, al quale va il mio augurio e l’invito a continuare come ha cominciato.

4 Comments

  1. Evit says:

    Onorato di leggere questo articolo!

  2. soloparolesparse says:

    @ Evit
    Te l’avevo detto che mi sembrava un progetto interessante.

  3. Evit says:

    Incredibile a dirsi, oggi sono arrivato a 10.000 visite. Sono scalato dal livello “nullità” a quello di “blog di poco conto”… il che è tanto nell’universo informatico!
    Grazie ancora per la tua recensione che certamente avrà portato qualche tuo utente a leggersi anche le mie filippiche ;-P
    Ho aggiunto una nuova rubrica “chicche quotidiane” se ci vuoi dare un’occhiata 😉

  4. Chi si impegna con costanza prima o poi riesce a venire fuori!

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An Awesem design by Orman