Four Lions e un sottotitolo da coglioni

Ora… dico io, uno non è che si diverta a far notare le cavolate che fanno con le traduzioni dei titoli nel nostro paese però a volte proprio pare che ce le si vada a cercare.

Abbiamo un film splendido, ironico e irresistibile, sottile, di una intelligenza davvero notevole (l’ho visto al Torino Film Festival dello scorso anno e ricorderete che ne avevo parlato davvero bene).
La distribuzione italiana, Videa-CDE,  decide (santi subito!) di lasciare il titolo originale e così Four Lions anche in Italia sarà Four Lions!

Facciamo festa?
Nemmeno per sogno perchè qualcuno lì dentro avrà pensato che quel titolo da solo non bastava, non catturava abbastanza l’attenzione.
Molto meglio aggiungerci un sottotitolo divertente.
Ed allora ecco che sulla locandina appare un devastante Poco leoni, molto… lasciando allo spettatore l’arduo compito di risolvere l’interrogativo morettiano con una parola italiana che con leoni faccia rima!

Peccato che l’idea geniale classifichi immediatamente il film come una commediola scollacciata degna di giocarsela con i cinepanettoni nostrani.
Ma perchè… perchè???

Consiglio del bloggante: fate finta di non aver letto il sottotitolo e correte a vedere il film perchè è splendido (e nulla ha a che vedere con una comicità becera)

Ah… per completare l’opera vi segnalo anche che il sito Fourlions.it che compare sulla locandina non è funzionate e rimanda a Register.

9 Comments

  1. giulia says:

    Ma non vantavamo una delle più grandi tradizioni quanto a traduzione in campo cinematografico e adattamento dialoghi?? Complimenti. Ottimo esempio.

  2. soloparolesparse says:

    @giulia
    La tradizione è sulla qualità del doppiaggio… sui titoli ci sono pessimi esempi.

  3. Evit says:

    Muahahah! Accidenti me lo sono perso questo! Qui mi rubi il lavoro! 😉
    La cosa peggiore è proprio quando mettono dei titoli da comicità spicciola su film buoni, così facendo tagliano sempre un gran numero di spettatori coscenziosi che non si vanno a vedere i cinepanettoni ma non disprezzerebbero una commedia ben fatta. Hai fatto bene a dare indicazioni sulla qualità del film.

    A breve faccio un link dal mio blog, se mi autorizzi metto anche il testo da te firmato con un link alla tua pagina poichè mi sembra che hai scritto tutto quello che si poteva dire! Attendo ovviamente autorizzazione.

    @ Giulia: si, in quanto a traduzioni siamo ai primi posti… e questo dà da pensare sulle condizioni in cui si trovano gli altri paesi che doppiano i film. Io sono un nostalgico dei vecchi doppiaggi (vedi mio blog) poichè è mia convinzione (ma non solo mia) che negli ultimi 15 anni sono andati veramente calando in qualità.
    Per i “pessimi esempi” di sottotitoli a cui accenna soloparolesparse ti invito a dare un’occhiata dalle mie parti, ne troverai di eccezionali 😉

  4. soloparolesparse says:

    @ Evit
    Scusa se ti ho rubato un possibile pezzo ma avendo visto il film ci tenevo a parlarne.
    Inoltre è probabile che avrò i distributori italiani ospiti in radio e quindi potrò chiedergliene conto.

    L’autorizzazione all’utilizzo con link è implicita nelle condizioni d’uso Creative Commons di questo blog, quindi vai tranquillo.

  5. Evit says:

    Hai fatto bene a parlarne! Scherzavo prima sul furto di lavoro, anzi mi fa piacere!

    Bravo “parolesparse” chiedigli di prendersi la responsabilità e di dar conto agli spettatori che grazie a quel titolo non andranno a vedere il film! La devono finire con questi titoli ITALIOTI! ;-P

  6. Evit says:

    Guarda l’ultimo commento postato nel mio blog riguardo a questo tuo articolo

  7. soloparolesparse says:

    @ Evit
    Molto interessante. Se mandi una mail alla persona che ti ha lasciato il commento cerchiamo di capirne di più.

  8. Evit says:

    purtroppo ha lasciato un commento anonimo, magari le lascio un commento che la invita a mettersi in contatto… sempre che vada a rileggere le risposte ai commenti

Trackbacks for this post

  1. Tomboy dal GLBT Film Festival alla distribuzione - Cabiria

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An Awesem design by Orman