ESP – fenomeni paranormali

ESP – fenomeni paranormali rientra a pieno titolo in quel filone ormai riconosciuto che è il mockumentary.
In pratica i Vicious Brothers hanno finto che le immagini che ci mostrano siano immagini vere.
L’idea quindi non è nuova… il risultato è però questa volta abbastanza scadente.

Una troupe televisiva si appresta (piena di attrezzature tecnologiche) a passare una notte all’interno di un vecchio ed enorme ospedale psichiatrico dove sono state segnalate presenze di fantasmi ed eventi soprannaturali.
I cinque (che pure conducono un programma dedicato al paranormale) sono i primi a non credere molto in quello che fanno ma ovviamente saranno costretti a ricredersi.

Come detto quello che ci mostra ESP è tutto già visto e spesso in maniera molto più efficace come nel classico Blair Witch Project o anche sono in Paranormal Activity.

La struttura è quella classica di un film del genere.
Parte introduttiva in cui non succede assolutamente niente poi, dopo 30 minuti esatti, si apre una finestra da sola!
E si continua con giochini del genere per un’altra mezzora.
La questione cambia nella terza parte del film quando le cose si fanno serie, gli spiriti si manifestano anche fisicamente, i protagonisti fanno fini decisamente bruttine, ma soprattutto ci sono un paio di cose (le uniche) interessanti.

Tempo e spazio perdono significato.
La notte si prolunga senza sosta, i corridoi dell’ospedale non hanno più fine. Le porte cambiano posto e si affacciano su nuove stanze.
In pratica i protagonisti rimangono bloccati dentro l’incubo e non hanno modo di venirne fuori.

I minuti finali danno anche l’idea che potrebbe esserci una spiegazione (paranormale) logica e che ci sia un motivo per cui gli spiriti dei pazienti dell’ospedale non riposano in pace, ma solo l’ultima sequenza fa intuire la verità.
Insomma i motivi per cui tutto nasce avrebbero potuto essere sviluppati meglio.

Un paio di note in chiusura.
Il medium che accompagna la troupe risponde al nome di Houston e viene continuamente chiamato per nome. “Houston vieni” “Houston guarda” “Houston smettila” “Houston prova ad interpellare gli spiriti. Avete capito: ho aspettato per tutto il film che qualcuno dei personaggi se ne uscisse con “Houston abbiamo un problema!” …ma niente!

Ashleigh Gryzko, o quantomeno chi la doppia in italiano, urla a casaccio e completamente fuori logica. Sappiatelo!

6 Comments

  1. Evit says:

    “Bellissimo” il trailer con tipica giovine di spalle che si gira e fa una smorfia paranormale per spaventare il pubblico. Onestamente ho riso quando l’ho visto. Fosse stato negli anni ’80, fatto con qualche spaventoso make-up avrebbe funzionato… queste bocce in CGI del 1999 fanno un po’ pena e tenerezza.

    Peccato perchè l’idea di base era promettente.

    Belle le urla a casaccio della doppiatrice haha

  2. Evit says:

    bocche, non bocce. scusa

  3. soloparolesparse says:

    Si…diciamo proprio niente di nuovo!

  4. Cartomanzia says:

    Volevo intervenire con un commento degno di nota, ma… l’articolo mi piace, quindi… GRANDI!!! Continuate così!

Trackbacks for this post

  1. Intervista con Carlotta Givo, direttrice del PDFF - Cabiria
  2. ESP 2 – fenomeni paranormali | Vita di un IO

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An Awesem design by Orman