Critica alla Critica: Star Wars Episodio I – la minaccia fantasma (1999)

George Lucas nelle mani di Evit. La nuova puntata di Critica alla Critica gioca con Star Wars Episodio I – la minaccia fantasma.

Trama
Il cavaliere Jedi Qui-Gonn Jinn e il suo giovane allievo Obi-Wan Kenobi arrivano nella Federazione del commercio per cercare di mettere un freno alla iniqua tassazione imposta dalla Federazione stessa. Ma il Vicerè li fa attaccare, loro scappano ma vengono accompagnati nella città sott’acqua (“loro scappano ma vengono accompagnati nella città sott’acqua”… curioso modo di descrivere la trama; chi li accompagna? E perchè? E cos’è questa città sott’acqua descritta come LA CITTA’ SOTT’ACQUA, come se ce ne fosse una sola che già conosciamo benissimo?). Intanto i Drudi (i droidi forse? O i fan di Gianni Drudi che cantano “facciamo fiky fiky insieme”?) vogliono prendere la Federazione e imprigionano la Principessa Padme Amidala (i droidi, se di droidi parliamo, vogliono prendere la federazione? Loro ERANO a servizio della Federazione. La trama continua poi con un salto pindarico…). Quando la nave spaziale va in avaria (e questa nave spaziale da dove sbuca fuori adesso?), Qui-Gonn e Obi-Wan Kenobi arrivano al pianeta Tatooine e qui convincono la madre Shmi (la famosa madre Shmi, madre di tutti noi) a lasciar andare con loro il piccolo Anakin, destinato a diventare apprendista Jedi e poi a seguire il resto della carriera dei cavalieri (ah pensavo si sarebbe fermato soltanto all’apprendistato; no no invece ha indenzione di finire la scuola Jedi, per chi avesse dubbi in merito). Insieme arrivano a Khorus (mmh… Coruscant forse? Che è Khorus?), dove giunge anche la Principessa (beh era già insieme a loro e comunque era Regina, non Principessa). La Repubblica deve difendersi dalla Federazione (non che la Federazione stesse minacciando l’intera Repubblica, soltanto il pianeta della regina Amidala… almeno in questo film). E mentre Qui-Gonn dice agli anziani che ha trovato il bambino grazie alla ‘forza’, appare evidente che il problema è catturare il Vicerè della Federazione. (Preparatevi ad un altro salto pindarico…) Ferito a morte, Qui-Gonn strappa a Obi la promessa che il bambino sarà addestrato. Finalmente il Vicerè viene messo alle strette e costretto a rinunciare alla franchigia commerciale. Obi è nominato cavaliere Jedi e Anakin apprendista. Un corteo di trionfo sigla la raggiunta pace.

(Lo so, non è facile scrivere la trama di un film così ridicolmente complicato e a ben vendere pieno di contraddizioni e assurdità: vedetevi (in inglese) la recensione video sul blog RedLetter Media per capire quanto assurda e stupida sia la trama degli episodi I, II e III di Guerre Stellari)

Trackbacks for this post

  1. Critica alla critica – 38° episodio – Star Wars Episode I « Doppiaggi italioti

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An Awesem design by Orman