No Tell Motel, non entrate in quell’albergo

Ancora un motel maledetto, ancora un gruppo di ragazzi al posto sbagliato al momento sbagliato, No Tell Motel non regala grosse novità ma Brett Donowho fa un discreto lavoro giocando su tutto il classico del genere fantasmi.

Un gruppo di ragazzi (e le ragazze sono naturalmente tutte super fighe, a partire da Chalie Howes) ha un incidente idiota col camper e si trova a passare la notte in un Motel disabitato da anni e mezzo diroccato.
Noi che guardiamo sappiamo che la famiglia proprietaria anni prima è stata distrutta da una tragedia: un incidente stradale che proprio lì davanti ha ucciso la figlia piccola della coppia.

Solo che la ragazzina è ancora in giro per l’albergo sotto forma di fantasma e non ha preso proprio bene la propria morte, così è intenzionata a vendicarsi su chi passa da quelle parti.
E fosse solo lei il problema di quel motel…

L’ambientazione del film è molto buona, le scenografie sono quelle classiche della casa abbandonata, diroccata, polvere, oggetti sparsi.
Molto buona è anche l’entrata in scena del fantasma della bambina, estremamente naturale (e tra l’altro la piccola Rileigh Chalmers fa una discreta figura pur non spiccicando una parola per tutto il film).

Sono buone anche le situazioni singole che si creano, i momenti di terrore, gli orrori vissuti.
Quello che invece non funziona è l’insieme. I vari momenti sembrano appiccicati insieme con lo sputo, il filo conduttore c’è ma è debole e la struttura narrativa lascia molto a desiderare.

Poi però c’è il momento clou, la scena fondamentale, per intenderci quella che dovrebbe rivelare i motivi del tutto, che è molto spessa, visivamente e psicologicamente.
In definitiva ci sono dei piccoli momenti apprezzabili in un totale però deludente.

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An Awesem design by Orman