In trance, colpisce ancora Danny Boyle

Un cast notevole, un direttore come Danny Boyle, una storia che si perde negli intrecci della mente ed ecco che In trance ha tutte le carte per funzionare alla grande… bhe, si… poi naturalmente c’è anche la sequenza con Rosario Dawson completamente nuda che aiuta.

in-trance

Simon fa il battitore di una casa d’aste e quando c’è da battere un quadro di Goya dal valore inestimabile finisce per essere complice della banda che vuole portarlo via. Solo che durante il furto prende una randellata notevole in testa e quando si riprende non ricorda più dove ha nascosto il quadro.

Così la banda decide di mettersi nelle mani di una psicoterapeuta per farlo ipnotizzare e ricordare il luogo dove ha nascosto il quadro.
La faccenda si complica non poco con la donna che entra nel pieno delle faccende della banda e la mente di Simon che restituisce piccoli spicchi di verità.

Questa però è solo la partenza perchè il film poi si arrotola su se stesso diventando assolutamente una figata dal momento in cui James McAvoy comincia a ricordare.
Un viaggio nella mente pieno zeppo di misteri.
Anche perchè poi viene fuori (ovviamente) che la situazione è molto più complessa del previsto.

rosario-dawson-in-trance

E Boyle è un maestro nel farci arrovellare, nel mischiare le carte in tavola. Fonde realtà e ipnosi, sogno e ricordo, fantasia e speranza… ne viene fuori un mix perfetto che spiazza chi guarda, incapace ad un certo punto di riconoscere cosa è vero e cosa è solo creato dalle menti dei protagonisti.
Un crescendo che gioca con le immagini, con le menti, con la visualizzazione delle immagini create dalla mente…

Poi abbiamo Vincent Cassel, che quando si tratta di fare il cattivo è uno dei volti più adatti nel panorama attoriale mondiale.

E ancora simboli sparsi qua e là tra le sequenze…

E naturalmente abbiamo Rosario Dawson completamente nuda in una vera e propria passerella ritagliata per lei al punto da crearle intorno uno spicchio di sceneggiatura che gioca col suo corpo esplosivo.

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An Awesem design by Orman