Oceania, Vaiana (o Moana), il semidio Maui… e quel gallo

L’ultimo lavoro Disney, che risponde al nome di Oceania, rimarrà nella storia del cinema italiano per la decisione di modificare il titolo originale (che sarebbe Moana ma poi veniva un casino quando i ragazzini lo cercavano su Google Image). Insomma questa volta la decisione di cambiare titolo un senso ce l’ha.


A parte la nota di colore il film diretto a quattro mani da Ron Clements, Don Hall, John Musker, Chris Williams ha meriti propri e farà senza dubbio la sua strada. Tra questi il merito principale è di far conoscere alle nuove generazioni un mito legato ad un piccolo spicchio di terra (ovviamente riscontrabile anche altrove, lo spiegavo proprio ieri a mia figlia – Prometeo, Adamo ed Eva).

La giovane figlia del capo Vaiana (o Moana nella versione originale) è stata scelta dall’Oceano per rimediare all’errore commesso un millennio prima dal semi-dio Maui, che rubò il cuore alla terra per portarlo agli uomini causando un casino di proporzioni disumane (e infatti).

Vaiana dovrà andare a scovare Maui e convincerlo ad accompagnarla a riportare il cuore al suo posto. Per farlo dovrà naturalmente scoprire i segreti del suo popolo, imparare a navigare e sconfiggere una serie di nemici.


Oceania è divertente ed è cantato. Insomma è un ottimo film Disney. Ma ha anche alcune caratteristiche che innovano il genere. Prima su tutte: Vaiana è una splendida principessa… con i polpacci grossi! E va benissimo così.

Invece di raccontarvi altro sul film, che è bene andiate a godervi senza remore, vi segnalo due curiosità.

La prima riguarda il momento in cui Maui spara una serie di trasformazioni a raffica. Se fate attenzione, in una di queste diventa Sven!

La seconda riguarda il pollo. Il galletto che accompagna la protagonista nella sua avventura. Oh, secondo me è uno dei personaggi secondari Disney più folli e divertenti che si siano mai visti!

Trackbacks for this post

  1. Un Re allo sbando (King of the Belgians) | Vita di un IO

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An Awesem design by Orman