Droide è la notte, di Graziano Delorda

La fantascienza che parla ai lettori di oggi, in generale agli uomoni di oggi. Questo è Droide è la notte, ottimo lavoro di Graziano Delorda, Augh! edizioni.

Terra, futuro. Il mondo ha ormai accolto la coabitazione di umani (HOmo) e DRoidi. Questi ultimi vivono in vere e proprie famiglie e gli vengono anche assegnati droidi diciottenni (dall’apparente età di 18 anni) da allevare e crescere come figli.


Non tutto però è splendore in questo mondo futuro che si sviluppa in altezza su una serie incredibili di livelli che vanno dal paradiso dei più ricchi all’inferno dei più poveri. Due movimenti estremisti di droidi e umani combattono nell’ombra per contrastare l’unione e la coabitazione, cercando di far prevalere la propria “specie”. A questa situazone precaria bisogna aggiungere anche una terza “razza” che si sta svilupando, quella dei DRHOmo, mezzi uomini e mezzi droidi.

In tutto questo due ragazzi, un umano e una droide, si amano e finiranno per diventare il centro della vicenda, i due veri animi pronti a salvare il mondo dalle minacce di chi lo vuole diviso.

E’ evidente dal poco che vi ho raccontato come nella storia di Delorda ci sia molto altro che non solo un racconto di fantascienza. C’è l’accoglienza, i flussi migratori, l’uguaglianza delle persone, gli estremismi. C’è insomma il mondo che stiamo vivendo in questi anni, abilmente traslato qualche secolo più in là.

Poi naturalmente c’è anche un nemico tradizionale, in carne e ossa (e metallo e circuiti), un cattivo senza scrupoli con un progetto terribile, un cattivo da sconfiggere con le armi della letteratura.

E c’è tutto un mondo perfettamente costruito. I livelli, le tecnologie di un futuro (a volte prossimo), un’organizzazione sociale futuribile, perfino un curioso e affascinante circuito sportivo di droidi lottatori.

E c’è l’amore tra due ragazzi di specie diverse, che potrebbero essere due ragazzi di razze diverse, oppure due ragazzi di estrazione sociale diversa o ancora due ragazzi di famiglie rivali. Insomma, da “Indovina chi viene a cena” a “Romeo e Giulietta” i riferimenti e precedenti filmico letterari sono molteplici.

Il romanzo scorre via veloce, la prosa è attenta e coinvolgente. E mettiamoci anche una copertina sexy nella migliore tradizione della letteratura di fantascienza.

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An Awesem design by Orman