Controcanto, il ritorno del gatto Pablo, di Sonia Sacrato

Torna Cloe, il tosto personaggio di Sonia Sacrato, e con lei naturalmente torna il gatto Pablo. In Controcanto, Golem Edizioni, troviamo la nostra eroina a Torino, si è trasferita con il micione e si trova ad avere a che fare con un violino perduto, con un cadavere trovato senza vita in un’auto bruciata, con un locale in cui si esibiscono delle splendide drag queen, con un ragazzino che vuole fare il giornalista, con la tragedia del cinema Statuto e con un vice questore decisamente affascinante.


In pratica vi ho fatto un collage di quello che troverete nel libro, ma non accontentatevi, pechè c’è da godersi l’intreccio, l’azione, la costuzione dei personaggi, l’evoluzione del pensiero della protagonista e gli sguardi del gatto Pablo, che sono tutto un programma.

Dunque dicevamo… Cloe è a Torino e con il nipote dell’amica Cristina, che si chiama Alex, è giovanissimo e vuole diventare un grande giornalista, cerca di capire da dove proviene un vecchio violino, rimasto misteriosamente nei magazzini di un trasportatore. Mentre indagano finiscono per trovarsi pesantemente invischiati in quello che pare proprio essere un omicidio. Un uomo è stato trovato bruciato nella sua auto, dove manca però la misteriosa valigetta che tiene sempre con sè. Incuriositi? Fate bene.

L’autrice gioca abilmente nella narrazione dei pesonaggi. Quando la vicenda riguarda Cloe è lei che racconta in prima persona, quando si parla di altro si passa alla narrazione in terza. Il giochino è estremamente efficace e movimenta la narrazione, rendendola decisamente attrattiva.

A dir la verità non ce ne sarebbe bisogno, perchè la vicenda è avvincente, seguiamo i protagonisti nell’evoluzione delle loro ricerche e non vediamo l’ora di scoprire qualche cosa in più, capire gli angoli nascosti, scavare un po’ più a fondo per intuire motivi e decisioni prese.

Conviene però lasciarsi guidare. Finiremo accompagnati in un viaggio che è un giallo a tutti gli effetti, ma è anche una romantica narrazione di affetti e sensazioni, sogni e speranze, fino ad arrivare ad un finale in cui è sorprendentemente l’azione a diventare protagonista.

Curiosa infine l’intervista finale che Sonia Sacrato dedica alla sua Cloe. Un botta e risposta tra autrice e personaggio che dice molto di entrambe. Se volete approfondire ulteriormente su Quotidiano Piemontese ho intervistato Sonia Sacrato.

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An Awesem design by Orman