Torino dimenticata, di Milo Julini

Se vivete a Torino sapete perfettamente dov’è via Sacchi (se non vivete a Torino ve lo dico io, è quella che costeggia la stazione di Porta Nuova), però sapete chi è Paolo Sacchi? No, vero? Ecco, questo è solo un esempio di ciò che potete trovare in Torino dimenticata, interessantissimo volume di Milo Julini, Editrice Baaima Ronchetti.


Paolo Sacchi era un segente furiere che sostanzialmente salvò Torino da una gigantesca esplosione intervenendo eroicamente nell’esplosione della polveriera di Borgo Dora e limitndo enormemente i danni. Per questo Torino gli ha dedicato una via.

Quante sono le vie che conosciamo ma non abbiamo idea di chi sia il personaggio a cui sono dedicate? Da questo spunto parte Julini per una lunga e affascinante camminata tra le vie di Torino alla scoperta di personaggi dimenticati.

Poi però l’autore allarga il campo e ci parla anche di personaggi importanti per la città a cui Torino non ha nemmeno dedicato una via. L’insieme è davvero un bel mosaico di uomini e (poche) donne che hanno contribuito alla storia di Torino.

Si comincia da un capitolo dedicato aai personaggi del Risorgimento, si passa poi ad aartisti e scienziati. Seguono i sindaci e i santi sociali (no, non quelli più conosciuti, quelli di seconda fascia. E ancora un capitolo intero è dedicato alla corte di Vittorio Emnuele II, grazi al rcupero di uno storico lavoro firmato “Fausto”. E si chiude il cerchio con i luoghi dimenticati.

Insomma davvero un bel viaggio per chi ama Torino e vuole conoscerne aspetti e storie meno note. Certo, nell’enorme mole di personaggi ne compaiono anche di mediamente famosi, dalla Bela Rosin a San Giuseppe Cafasso, dallo smemorato di Collegno a Quintino Sella fino ad Amedeo Peyron. Ma qunti di voi, pur torinesi, hanno mai sentito parlre di Andrea Parris, Luigi Martini, Carlo Pinchia, Giorgio Bellono, Massimiliano Bardesono o del conte Castellengo e di tantissimi altri nomi?

Questo è il motivo per leggere questo libro: scoprire personaggi importanti che Torino ha dimenticato, rccontati con passione e dettagliata attenzione da Julini. Se volete approfondire ulteriormente qui ho intervistato l’autore.

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An Awesem design by Orman